La scelta giusta!

La scelta giusta!

cosa-sign-avere-fedeSono nato in una famiglia cristiana. Da piccolo ho seguito gli insegnamenti cristiani, ho frequentato la scuola domenicale ma, nonostante questo, non riuscivo a prendere una seria e definitiva decisione per il Signore.
Da fanciullo la mia vita era caratterizzata da continui momenti di allontanamento e avvicinamento al Signore. Crescendo divenni ribelle, alla scuola domenicale ero di disturbo e spesso venivo ripreso dalle monitrici. Durante l’adolescenza iniziarono i momenti più difficili (questo è un passaggio che tutti devono attraversare) perché è l’età in cui devi scegliere e decidere chi diventare. Se non hai un obbiettivo chiaro in testa la confusione aumenta e spesso la cosa migliore da fare è quella di  chiedere aiuto a qualcuno.

Io e mia madre, dopo aver ascoltato il consiglio di una psicologa, decidemmo di iscrivermi all’Ipsia di Saronno. In questa scuola, anche a causa dei miei problemi, cominciai a lasciarmi andare nel mondo e ai suoi vizi. Pensavo, con i miei ragionamenti immaturi, che avevo bisogno di fare le mie esperienze personali ma, una volta sperimentate, tutto quello che mi rimase era solo un profondo tormento morale e spirituale. Un giorno, dopo una mattinata stressante, arrabbiato e stanco per quella vita che conducevo – mentre aspettavo mia madre che doveva venirmi a prendere – nacque in me il desiderio di togliermi la vita buttandomi in mezzo alla strada e sperando che qualcuno mi investisse; Dio non permise che ciò accadesse ed io lo ringrazio con tutto il mio cuore per ciò che ha fatto. Quell’anno fui bocciato e decisi di cambiare scuola andando all’Ipsia di Rho. Scuola diversa, stessi problemi; cercavo di avvicinarmi al Signore ma subito dopo mi allontanavo. Una sera, alla riunione dei giovani, il Signore mi parlò facendomi leggere questo passo: “metterò dentro di loro un nuovo spirito, toglierò dal loro corpo il cuore di pietra e metterò in loro un cuore di carne”.  Inizialmente non compresi il significato di questo versetto ma ebbi la certezza che Dio quella sera aveva parlato al mio cuore. Cinque mesi più tardi presi la decisione di servire il Signore. Egli cominciò ad operare nella mia vita, mi cambiò. Decisi di mettere la mia vita nelle Sue mani, gli chiesi di donarmi costanza per non allontanarmi da Lui; il Signore mi esaudì. Da quel momento ebbe inizio il mio cammino cristiano. Le prime settimane furono le peggiori. Il nemico mi attaccava cercando di farmi vacillare e cadere ma il Signore non lo permise perchè mi tenne stretto, vicino a se, proteggendomi. Il Suo aiuto continua anche oggi, sostenendomi giorno dopo giorno nelle avversità del mio cammino cristiano. La mia speranza è che questa testimonianza possa essere d’aiuto ad altre persone affinché capiscano che il mondo non può darti nulla “sono tutte vanità, un correre dietro al vento” che ti porta lentamente ma inesorabilmente lontano da Dio. L’unica scelta giusta che ho fatto nella mi vita è stata quella di mettermi al servizio di Dio. Ringrazio il Signore per le opere che ha compiuto nella mia vita e per quelle che oggi continua a compiere giorno dopo giorno.

 

Daniele