Il Signore mi ha dato tutto

Il Signore mi ha dato tutto

Michael-Woloszynowicz_MGzoomMi associo al salmista Davide dicendo: Io ti celebrerò, perché sono stato fatto in modo stupendo. Meravigliose sono le Tue opere, e l’anima mia lo sa molto bene. Le mie ossa non ti erano nascoste, quando fui formato in segreto e intessuto nelle profondità della terra. I Tuoi occhi videro la massa informe del mio corpo e nel tuo libro erano tutti scritti i giorni che mi erano destinati, quando nessuno d’essi era sorto ancora. Oh, quanto mi sono preziosi i Tuoi pensieri, o Dio! Quant’è grande il loro insieme! Se li voglio contare, sono più numerosi della sabbia; quando mi sveglio sono ancora con Te(Salmo 139:14-18).

Desidero ringraziare il Signore perché mi ha dato la gioia di crescere in una famiglia di fede cristiana evangelica. Avevo solo due anni quando i miei genitori accettarono Gesù nella loro vita. Sono stata educata con insegnamenti cristiani e come tutti i figli dei credenti, anch’io ho avuto il piacere di frequentare la scuola domenicale. Sembrava che tutto procedesse bene, ma ad un tratto, a causa di un tragico incidente mortale venne a mancare mio padre, avevo soltanto undici anni e l’ultimo dei miei fratelli cinque. La nostra faglia ebbe una svolta perché soltanto un anno dopo fummo costretti a trasferirci da Taranto a Milano, dove già alcuni miei fratelli risiedevano.
A Milano, sebbene un ambiente e clima completamente diverso, il nostro primo interesse è stato l’inserimento nella Chiesa Cristiana Evangelica, quando ancora la comunità si riuniva in Via Cesare Correnti. Con piacere si partecipava a tutte le attività e sebbene la mancanza di mio padre e la famiglia numerosa, otto figli, il Signore ci è stato sempre vicino. Grazie a Dio siamo tutti convertiti.
Tre anni dopo, all’età di quattordici anni, compresi che se avessi messo la mia vita nella mani del Signore il mio futuro sarebbe stato benedetto, così decisi di battezzarmi in acqua. Lo stesso anno al Campeggio di Casalmonte (FI) ricevetti il battesimo nello Spirito Santo.
All’età di diciotto anni mi fidanzai con un giovane della comunità di Milano e dopo circa due anni ci siamo sposati. Mio marito, sebbene molto giovane, aveva ventitre anni quando ebbe l’incarico di pasturare la piccola comunità di Bollate (MI). Sono passati circa quarant’ anni, in tutto questo tempo sono stata al suo fianco ed insieme abbiamo servito il Signore.
Dio ci ha dato la grazia di avere due figli, Michele e Debora. Anche loro servono il Signore assieme alle loro famiglie. Naturalmente non sono mancate le prove e difficoltà in tutti questi anni, ma il Signore e stato il nostro sostegno rimenando sempre al nostro fianco.
Desidero continuare ad amare e servire il Signore fine alla fine dei miei giorni. Il Signore mi ha dato tutto quello che il mio cuore desiderava, anzi di più. A LUI SIA LA GLORIA.

 Rosaria