Magnificare Dio

Magnificare Dio

“…L’anima mia magnifica il Signore, e lo spirito mio esulta in Dio, mio Salvatore…”
[LEGGERE LUCA 1:46-50]

Quale grande conoscenza della Scrittura traspare da questo inno! Leggendolo, ci tornano in mente molti versetti dei Salmi; esso Ci ricorda, soprattutto, il cantico di Anna (I Samuele 2:2-10). È evidente che la memoria di Maria era impregnata della Parola di Dio. Quando la bocca parla dell’abbondanza del cuore, essa esprime i propri sentimenti con il linguaggio delle Scritture. Maria, sospinta dallo Spirito Santo, magnifica il Signore con le parole più appropriate, con i termini più sacri. Sforziamoci di conoscere la Scrittura in modo sempre più profondo. Studiamola, investighiamola, meditiamola, sino a farla sedimentare nel nostro cuore con ogni dovizia (Colossesi 3: 16). Scopriremo che questo sarà di grande utilità per avvicinarci di più a Dio, per descrivere al meglio le Sue opere nella nostra vita, per fornirci il linguaggio migliore per presentare a Lui i nostri bisogni ed esprimerGli i ringraziamenti più sentiti. Una tale conoscenza non si potrà raggiungere senza un regolare studio giornaliero. Il tempo che vi dedicheremo non sarà mai sprecato e porterà frutto per l’ avvenire. Sebbene Maria fosse stata scelta da Dio per un onore così alto, ella descrive la propria bassezza (v. 48) e il suo bisogno di un Salvatore (v. 47). Usa il linguaggio di chi ha imparato a sentire il peso dei propri peccati e che, lungi dall’essere in grado di salvare gli altri, necessita di un Redentore per la propria anima [..]. Come lei, non cerchiamo la nostra gloria, ma innalziamo il nostro benedetto Dio e Salvatore. L’umiltà è la grazia più preziosa che può adornare il carattere cristiano, ed è a disposizione di chiunque è realmente convertito.