Preghiera efficace

Preghiera efficace

“Se dimorate in me e le mie parole dimorano in voi, domandate quello che volete e vi sarà fatto”
[ Giovanni 15:7 ]

Questo versetto esprime una promessa certa del Signore: la preghiera dei giusti non resterà inascoltata e si rivelerà potente ed efficace. Quali sono, però, le condizioni che Dio pone per adempiere a tale promessa parole di dimorare in noi. Dimorare in Cristo significa mantenere una comunione regolare e intima con Lui, riposare in lui, spandere l’anima davanti al Signore, facendone la fonte della nostra vita e il nostro migliore amico. Permettere alle Sue parole di dimorare in noi significa fissarle nella nostra memoria e nel cuore, facendo di esse la guida di ogni nostra azione e la regola della nostra condotta.

Questo tipo di credente non pregherà invano. Tutto quello che chiederà gli sarà concesso, perché chiederà secondo le vie e i pensieri di Dio. Nessuno opera si rivelerà troppo ardua per Lui e nessuna difficoltà insormontabile.

Chiedendo riceverà e cercando troverà, quando busserà gli sarà aperto senza indugio.

Di John Knox, la regina Maria Stuarda disse di temere le sue preghiere più di un esercito di ventimila uomini. La parola di Dio, infatti, dichiara: “… la preghiera del giusto ha una grande efficacia” (Giacomo 5: 16). Allora perché non assistiamo a questa potenza ai nostri giorni) Semplicemente perché pochi credenti vivono una vera comunione con Cristo e si conformano di cuore e fedelmente alla sua volontà. Quanti non dimorano in Lui pregano invano. Quanti non fatto del proprio cuore la dimora stabile della Parola di Dio chiedono e non ricevono, perché chiedono in modo errato, senza conoscere la volontà di Dio e per spendere nei propri piaceri.

Non dimentichiamo mai queste cose. Chi vuole avere una risposta alla propria preghiera deve ricordare le indicazioni di Cristo e coltivare un rapporto vivo e costante con il grande Avvocato in cielo.