Una Lampada Ardente e Splendente

Una Lampada Ardente e Splendente

“Egli era la lampada ardente e splendente e voi avete voluto per breve tempo godere alla sua luce”

[GIOVANNI 5: 35]

In un mondo che ha rifiutato Dio, scegliendo le tenebre e rigettando la luce, in un mondo così materialista e secolarizzato, la testimonianza cristiana è indispensabile, anche se alle volte difficile..

Nel nostro testo Gesù stesso conferma la testimonianza di Giovanni, descrivendolo come una lampada ardente e splendente.

 

Lampada: subito pensiamo a qualcosa fatto per illuminare. Questo era Giovanni. Egli fu mandato per testimoniare di Gesù, per preparare il popolo alla venuta del Messia. Così è per il credente: è lasciato sulla terra non per vivere per sé stesso, ma per testimoniare agli altri del suo Salvatore, annunciandone il ritorno.

 

Lampada ardente: non una luce fioca, ma viva e risplendente. Nella sua testimonianza per Cristo Giovanni era appassionato, schietto e zelante. In Matteo 3:7-9, vedendo che molti farisei e sadducei andavano a farsi battezzare, consapevole della loro ipocrisia, li redarguì, chiedendo di manifestare frutti degni del ravvedimento. Egli non indietreggiò mai, anche a costo della vita; non compromise mai il suo ministerio, si consumò per la causa di Cristo. Beati quei credenti che usano le proprie forze ed energie per la causa dell’Evangelo, poiché ne riceveranno premio in questa vita e nella futura gloria con Cristo.
Lampada ardente e splendente: nella vita di Giovanni c’era tanta luce da illuminare i cuori sinceri. Egli aveva rinunciato alle comodità della vita  familiare, per ubbidire alla voce di Dio; non si contaminò, anzi, consacrò la sua vita; non venne meno, anzi, intensificò sempre più quella luce rivolgendo al popolo il suo messaggio di ravvedimento, in vista della vera luce: Cristo! Possa ogni credente imitare l’esempio di Giovanni, che additò in Gesù l’unico Salvatore del mondo.