Liberazione Vera

Liberazione Vera

Ma tu, o SIGNORE, sei uno scudo attorno a me, sei la mia gloria, colui che mi rialza il capo [SALMO 3:3]

Nelle avversità e nelle afflizioni, un credente autentico, non imputa al suo Signore alcuna colpa, ma ricerca piuttosto quella liberazione che soltanto Dio può dare.
Le afflizioni che colpirono Davide furono veramente molte, sia a causa del suo peccato con Bat-Sceba, sia quando, per suo figlio Absalom, usurpatore del suo regno, fu costretto a fuggire per mettersi in salvo. È proprio in questa difficile circostanza che chiede al Signore una potente liberazione.
Egli si era rifugiato sotto le ali protettrici del suo Dio, al punto da esclamare: “SIGNORE, sei uno scudo attorno a me …” Ecco perché, anche quando la situazione si fece più angosciosa e apparentemente insolubile, continuò a dire: “Colui che mi rialza il capo”. Lo stesso Dio che ha riabilitato e ripristinato l’autorità di Davide risolleva tutti quelli che, malgrado le cadute e le incertezze, continuano a confidare in Lui.
Davide, altrove dichiarò: “I passi dell’onesto sono guidati dal SIGNORE; egli gradisce le sue vie. Se cade, non è però abbattuto …” (Salmo 37:23). Egli, quindi, alla luce delle liberazioni passate, Lo invoca ancora sapendo che anche in quest’occasione il Signore lo libererà dai suoi nemici. La vera spiritualità di un credente è, quindi, rivelata nelle prove: più si accosta al Signore e più la sua fede è incoraggiata, imparando così a ubbidirGli e a temerLo per poi, infine, essere protagonista di grandi vittorie.
Davide seppe riconoscere l’artefice della sua liberazione e, perciò, esultante esclamò: “Egli mi risponde dal suo monte santo” ( . 4). Infine, invocò il Signore lodandolo con gratitudine e riconoscendo in Lui l’unico Salvatore. Tale dovrebbe essere il sentimento di ogni cristiano rigenerato da Cristo Gesù, lavato con il Suo sangue e giustificato mediante il Suo sacrificio.