Confidare Nel Signore

Confidare Nel Signore

Io confido nel SIGNORE.Voi, come potete dire all’anima mia:«Fuggi al tuo monte come un uccello»? [SALMO 11:1]

Quale fiducia in Dio, quale pace trionfante! Nonostante tutte le difficoltà, Davide adempie il suo dovere. Egli ha confidato nel Signore l‘Altissimo. Il salmista ci ricorda che gli empi sono pronti ad avveduti contro i retti di cuore e, a causa dei primi, le fondamenta stesse della proprietà sono minate, al punto che appare quasi ovvio zittire la coscienza per seguire la malvagità imperante. Il re Davide, però, di fronte a un pensiero e un suggerimento del genere appare profondamente indignato: egli contempla il Signore che dal Suo trono scruta il cuore degli uomini. Il Signore è giusto, ama la giustizia e non può che disprezzare chi semina ingiustizia e violenza.
Davide rimane saldo sui suoi propositi combattendo il nemico senza odio né violenza: attende con serenità la liberazione da parte del Signore, l‘aiuto che gli può venire soltanto dall’Alto.
Che forza e che serenità! Com’è diverso il suo atteggiamento da quello di chi, nel giorno della sventura, reagisce con inquietudine e sconforto, incapace di sollevarsi, neppure di un palmo, da quella condizione desolante in cui è precipitato. Molte volte la nostra fiducia nel Signore si rivela del tutto inadeguata, debole e superficiale. Anziché mettere al bando la nostra presunzione e aprire il cuore a un’autentica fede in Dio, ci chiudiamo in noi stessi, ostacolando in tal modo l’opera del Signore. Se giorno dopo giorno sapremo confidare nel Signore mediante la preghiera, meditando la Parola di Dio, saremo nelle condizioni di contemplare Dio e, per la lede in Gesù, invocarLo secondo le Sue promesse.
Soltanto tramite l’intercessione di Cristo, il Padre ci sarà vicino con la Sua presenza d’amore, confermando i nostri passi nella giustizia e nella pace.