Un Privilegio Assoluto

Un Privilegio Assoluto

Beata la nazione il cui Dio è il SIGNORE; beato il popolo ch’egli ha scelto per sua eredità. [Salmo 33:12]

Lodare,cantare e giubilare nel Signore è un privilegio che soltanto i credenti possiedono, poiché hanno riconosciuto Dio come Signore, cioè “padrone assoluto della loro vita e hanno accettato Gesù nel proprio cuore. Queste parole, tra l altro, esprimono la bellezza e la grandezza del Suo infinito amore.
La parola “beato vuol dire realizzare la piena felicità e questa è una realtà che tutti i cuori rigenerati da Gesù conoscono molto bene; ogni cristiano, infatti, sa che soltanto Cristo dà gioia al cuore di chi si sottomette alla Sua suprema volontà.
In questo mondo impera l‘inquietudine e l’infelicità poiché nella maggioranza degli uomini abbonda il peccato. Alcuni cercano la gioia nelle ricchezze, altri nei piaceri mondani, altri ancora nell’osservanza di pratiche religiose formali; ma tutti quelli che cerano appagamento nel le cose effimere della vita corrente, trovano delusioni e inganni, cadendo ogni giorno di più in preda al disorientamento, poche’ escludono Dio e la Sua eterna Parola dalla loro vita.
Una domanda sorge spontanea: come si può essere veramente felici sulla terra? Il salmista, per ispirazione divina, disse che sono beati quelli che hanno il Signore come Dio, e che in tutte le circostanze della vita, sia avverse sia favorevoli sanno confidare esclusivamente in Lui.
Gesù, autore e fonte di ricchezze eterne e di felicità, nel Sermone sul Monte, allarga gli orizzonti della beatitudine, definendo beati i poveri di spirito, quelli che fanno cordoglio, mansueti, i puri di cuore, i pacifici e tutti quelli che sono perseguitati a causa del Suo nome. Chiunque accetta di vivere in Cristo, entra a far parte della schiera dei credenti che possiedono la beata speranza e sono eredi della gloria eterna.
Anche noi saremo beati se, come i cristiani dell’ era apostolica, onoreremo Dio con fedeltà!