CONFIDARE IN DIO

CONFIDARE IN DIO

“La mia giustizia è vicina, la mia salvezza sta per apparire, le mie braccia giudicheranno i popoli; le isole spereranno in me, confideranno nel mio braccio” [Isaia 51:5]

Nei momenti di dura prova, il credente non ha nessuno sulla terra cui affidarsi, ed è quindi costretto a rifugiarsi soltanto nel suo Dio. Quando la sua barca sta per affondare, e non può contare su nessun aiuto umano, egli deve semplicemente e interamente affidarsi alla provvidenza e alla cura del Signore. Benedetta tempesta, quella che fa naufragare un uomo su una Roccia come questa! Benedetto uragano, quello che spinge l’anima a Dio e a Lui soltanto! A volte non ci si afferra al Signore a causa della moltitudine degli amici: ma quando un uomo è molto povero, senza amici, senza aiuto e non sa a chi rivolgersi, si abbandona nelle braccia del suo Padre celeste, che lo stringono amorevolmente.
Quando è appesantito da prove pressanti e particolari, al punto che non può confidarsi con nessuno se non con Dio, l’uomo può esserne grato, poiché imparerà più dal suo Signore in quei momenti che in tutto il resto della sua vita. Credente tormentato dalla tempesta, è una prova benedetta quella che ti conduce al Padre! Ora che hai soltanto il tuo Dio a cui affidarti, assicurati di riporre la tua fiducia interamente in Lui. Non disonorare il tuo Signore e Maestro con dubbi e timori indegni, ma sii forte nella fede, dando gloria al Suo Nome.
Dimostra al mondo che il tuo Dio ha per te più valore di diecimila mondi. Dimostra agli uomini ricchi quanto sei ricco nella tua povertà, quando il Signore è il tuo soccorritore. Dimostra agli uomini forti quanto sei forte nella tua debolezza, quando sotto di te ci sono le braccia dell’Eterno. Ora è il momento di celebrare la fede e di compiere azioni valorose. Sii forte e molto coraggioso, e il Signore, il tuo Dio, Colui che creò i cieli e la terra, certamente sarà glorificato nella tua debolezza e magnificherà la Sua potenza nelle tue distrette. La meraviglia dell’arcobaleno sarebbe guastata se il cielo fosse sostenuto da qualche colonna visibile, e la tua fede perderebbe la sua gloria se fosse appoggiata a qualcosa che si può scorgere con l’occhio fisico. Possa lo Spirito Santo darti anche oggi riposo in Gesù.