Le Due Porte

Le Due Porte

“… Mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, Gesú venne e si presentò in mezzo a loro, e disse: ‘Pace a voi!’” [Giovanni 20:19]

Nel caotico e promiscuo affollamento dei sentimenti e delle idee, ogni uomo finisce per ritrovarsi solo, in preda alla perplessità e allo spavento, e tutto perché Cristo è stato “messo alla porta” dalla sua superbia. L’orgoglio del cuore umano, infatti, Lo vorrebbe morto per sempre, un mito, un’ombra, una vicenda sgualcita dal tempo. Ma Egli è il risorto, il vivente, il Signore della storia, l’espressione di quell’amore di cui l’uomo ha disperatamente bisogno.
Non c’è comunque porta o barriera di separazione che possa resistergli; Egli fa irruzione nella storia malgrado la chiusura mentale e spirituale dell’uomo. La luce sfolgorante della Sua giustizia e della Sua pietà vince le tenebre, abbatte ogni resistenza. Egli si presenta a porte chiuse e noi ci troviamo di fronte alla Sua travolgente verità. Porta con Sé la più bella notizia che il mondo abbia mai ricevuto, ma che più o meno consapevolmente attendeva da sempre: la morte è stata sconfitta e con essa il disordine morale ed il peccato che l’aveva prodotta.
Ora fra te e Dio non c’è più un’incolmabile distanza, non c’è più separazione: Egli ti ha riconciliato con Lui. Gesú lo dimostra presentandosi a porte chiuse, con le Sue ferite aperte quali segni del Suo amore per te. La croce che Lo aveva accolto è rimasta spoglia: Egli ha trionfato sulla morte e viene ad offrirti la vita. Il tempo del tuo avvilimento, dei tuoi spaventi e del tuo risentimento è finito! Entra la luce della risurrezione: “Pace a voi!”.
Ora il Cristo che ti ama, che si è presentato prodigiosamente a porte chiuse, si aspetta da te un “segno”: che sia tu, stavolta, ad aprirgli la porta del tuo cuore e a dargli il benvenuto: “Ecco, io sto alla porta e busso: se qualcuno ascolta la mia voce e apre la porta, io entrerò da lui e cenerò con lui ed egli con me” (Apocalisse 3:20). Metti mano a quella maniglia! Ricevilo ora! Non rifiutare il dono di una vita nuova ed esuberante!