Il Soffio Dello Spirito

Il Soffio Dello Spirito

“Detto questo, soffiò su di loro e disse: ‘Ricevete lo Spirito Santo’”
[Giovanni 20:22]

Il Signore Gesú, nel versetto precedente, aveva indicato ai discepoli l’opera che avrebbero dovuto compiere: mandarli nel mondo come Suoi ministri, messaggeri e testimoni, proprio come il Padre ha mandato Gesú nel mondo come messaggero e testimone (cfr. Ebrei 3:1; Giovanni 18:37). In queste parole, invece, il Signore comunica loro lo Spirito Santo. Consistendo quella missione nel proclamare al mondo la risurrezione del Signore, e tutte le grazie che da essa derivano, era necessario che fossero suggellati e riempiti dello Spirito da Alto.
Il verbo soffiò, qui usato da Giovanni, non s’incontra altrove nel Nuovo Testamento, ma è il medesimo con il quale i settanta traducono Genesi 2:7, laddove è detto che dopo aver formato l’uomo con la polvere della terra, Dio “… gli soffiò nelle narici un alito vitale”. Gesú dunque, con questa parola, si pone allo stesso livello di Dio.
Il Signore, inoltre, non fa qui soltanto una semplice promessa, ma dà anche un segno di quanto sarebbe accaduto a Pentecoste. Egli soffia lo Spirito come caparra o primizia della maggiore e più gloriosa effusione che doveva avvenire a Pentecoste. Il dono presente si riferisce alla vita interna degli apostoli, quello di Pentecoste alla loro preparazione più esterna per l’opera; ora il Signore vuol farli salire ad un grado superiore di vita spirituale, illuminando e vivificando le loro anime; alla Pentecoste li renderà atti a produrre un effetto sugli altri. Infatti, la promessa fatta ai discepoli da Cristo risorto è inequivocabile: “Ma riceverete potenza quando lo Spirito Santo verrà su di voi, e mi sarete testimoni in Gerusalemme, e in tutta la Giudea e Samaria, e fino all’estremità della terra” (Atti 1:8).
Ancora oggi il Signore risorto vuole soffiare il Suo Spirito sui quanti credono in Lui e, allo stesso modo, desidera riempire la Sua chiesa di quella virtù divina per annunciare al mondo l’Evangelo, potenza di Dio per coloro che credono.