DIVINO REDENTORE

DIVINO REDENTORE

“Poiché il tuo creatore è il tuo sposo; il suo nome è: il Signore degli eserciti; il tuo redentore è il Santo d’Israele, che sarà chiamato Dio di tutta la terra”
[Isaia 54:5]

Gesù, il Redentore, è davvero nostro per sempre. Tutti gli attributi di Cristo sono esercitati in nostro favore. Egli è re, sacerdote e profeta soltanto per noi. Ogni volta che scopriamo un nuovo titolo del Redentore, acquisiamolo come se fosse nostro, al pari di tutti gli altri. Il bastone del Pastore, la verga del Padre, la spada del Condottiero, il diadema del Sacerdote, lo scettro del Principe, il mantello del Profeta sono tutti nostri. Tutte le funzioni di Gesù sono impiegate per la nostra elevazione, ed ogni Sua virtù è esercitata in vista della nostra difesa. La pienezza della Sua divinità è il nostro tesoro inesauribile e sicuro.
Anche la Sua umanità, di cui Egli si rivestì per noi, è nostra in tutta la sua perfezione. Il nostro Signore misericordioso ci ha trasmesso la virtù immacolata del Suo carattere irreprensibile, ci dona l’efficacia meritoria di una vita a Lui devota, ci concede il premio ottenuto da una sottomissione ubbidiente e dal servizio incessante. Con la veste candida della Sua vita Egli ci ricopre di bellezza, le virtù splendenti del Suo carattere diventano per noi gioielli ed ornamenti, e la sublime mansuetudine della Sua morte diventa il nostro vanto e la nostra gloria. Egli ci lascia la Sua mangiatoia, dalla quale apprendiamo come Dio venne all’uomo, e la Sua croce, che ci insegna il modo in cui l’uomo va a Dio. Tutti i Suoi pensieri, le emozioni, le azioni, le espressioni, i miracoli e le Sue intercessioni furono per noi. Egli percorse per noi la strada del dolore e, come Suo lascito, ci ha donato la somma perfetta di tutto ciò che ha compiuto nella Sua vita.
Ora Egli è nostro, come lo è sempre stato per i Suoi, e non si vergogna di qualificarsi come “nostro Signore Gesù Cristo”, sebbene Egli sia il benedetto Onnipotente, il Re dei re, e il Signore dei signori. O anima mia, per la potenza dello Spirito Santo, questa mattina chiamaLo “tuo Redentore”.