La Visita Del Signore

La Visita Del Signore

“Quando già era mattina, Gesú si presentò sulla riva;

i discepoli però non sapevano che era Gesú”

[Giovanni 21:4]

Quante volte ci è capitato di essere impreparati ad una visita improvvisa di qualche conoscente o di qualche parente e di esserci vergognati per non aver saputo offrire l’accoglienza dovuta, dopo aver fatto l’impossibile per rimediare senza però riuscirvi. Nella stessa imbarazzante situazione venne a trovarsi un giorno Pietro: quando ormai pensava di non rivedere più il suo Maestro, ecco che Gesú riapparve per avere comunione con i Suoi e si presentò a loro come il primo giorno che li incontrò. Li aveva incontrati nuovamente sulle sponde di quel mare da dove li chiamò, li avvicinò laddove li aveva dapprima avvicinati e da dove loro fecero i primi passi da discepoli.

Spesso Gesú viene a trovarci in questo modo improvviso, facendoci ricordare le benedizioni che abbiamo ricevuto da Lui, proprio come capitò ai discepoli quella mattina. Ma chissà se siamo sempre pronti a ricevere la visita del Signore, o se anche noi al grido: “È il Signore!”, ci dovremo nascondere per paura di far vedere le nostre “nudità” e le nostre debolezze.

La vita del credente è costellata da molti di questi “appuntamenti” con il divino Maestro, incontri che ci ricordano la nostra insufficienza, occasioni che ci danno modo di confessare a Gesú le nostre miserie e di godere della comunione con Lui come e più della prima volta. La Sua presenza è uno stimolo continuo a non fermarsi, a presentarsi davanti a Lui tranquilli e sicuri di non avere nulla da nascondere, non facendo come i discepoli, i quali tornarono alle reti che avevano in precedenza abbandonato.

Il Signore è un Dio d’amore che ci conosce, e se qualche volta cadiamo, ci viene incontro per sorreggerci. Giovanni Lo riconobbe e non ebbe paura: anche noi vogliamo imparare a riconoscerlo quando Egli si avvicina, per far sì che il Suo ritorno non ci trovi impreparati come lo era Pietro. Non vogliamo essere preda della paura ma desideriamo poter dire: “Eccomi Signore!”.

 

 

 

Lettura biblica: Giovanni 21:1-8 [vd. Luca 12:41-48]