Materiale Sufficiente

Materiale Sufficiente

“Or vi sono ancora molte altre cose che Gesú ha fatte;

se si scrivessero a una a una, penso che il mondo stesso

non potrebbe contenere i libri che se ne scriverebbero”

[Giovanni 21:25]

 

Con queste parole l’evangelista pare che voglia spiegare la ragione che lo indusse a chiosare il suo Vangelo con queste parole. Egli fece riferimento agli innumerevoli fatti e detti di Cristo dei quali era piena la sua memoria. Scrivere ogni cosa sarebbe stato pressoché impossibile, e se anche lo avesse potuto fare, l’espressione iperbolica dell’evangelista: “… il mondo stesso non potrebbe contenere i libri che se ne scriverebbero”, parrebbe esagerata. Si potrebbe affermare che il senso fosse davvero iperbolico, ma è anche vero che questa sua espressione volesse significare che Giovanni contemplava nella vita di Gesú le incommensurabili profondità che scorgeva in ogni Suo atto e parola. In ogni caso, la sapienza divina non limitò il numero e la grandezza dei libri scritti riguardo alle “cose che Gesú prese a fare e a insegnare”. Nella Bibbia abbiamo la narrazione di tanti miracoli, di tante parabole, tanti sermoni, tante conversioni, tante parole di gentilezza, tante opere di misericordia, tanti viaggi, tante preghiere, tanti avvertimenti, tante promesse quante il mondo ne può necessitare. Se fosse stato riportato qualcosa di più, sarebbe stato superfluo. C’è materiale a sufficienza per rendere ogni credente privo di scuse, quanto basta per mostrare la via per il cielo a chi è sinceramente interessato, quello che è necessario per soddisfare il cuore di ogni credente onesto, quanto basta per condannare chiunque non si ravveda e creda al Vangelo, quanto basta per glorificare Dio.

Anche il vaso più capiente può contenere soltanto una certa quantità d’acqua. Quello che abbiamo nella Parola di Dio basta e avanza. Questa testimonianza è verace. Proviamo a negarla se ci riusciamo! Possiamo a ragione essere umili pensando a quanto siamo ignoranti e quanto poco comprendiamo dei tesori che questo Evangelo contiene. Ma possiamo essere riconoscenti considerando quanto chiaro sia l’insegnamento che esso dà sulla via della salvezza. Chi crede che Gesú è il Cristo, il Figlio di Dio, leggerà questo Vangelo con profitto, perché, credendo, avrà vita nel Suo nome (cfr. Giovanni 20:31).