Un Avvocato Speciale

Un Avvocato Speciale

“Figlioli miei, vi scrivo queste cose perché non pecchiate; e se qualcuno

ha peccato, noi abbiamo un avvocato presso il Padre: Gesú Cristo, il giusto”

[I Giovanni 2:1]

 

Il noi s’intende dei credenti che hanno fatto di Cristo il proprio Salvatore. Il termine Paracleto qui applicato a Gesú è lo stesso che, nel Vangelo di Giovanni, è applicato allo Spirito Santo. In Giovanni 14:16 si legge: “Io pregherò il Padre, ed Egli vi darà un altroconsolatore [Paracleto], perché stia con voi per sempre”; il che implica che Gesú è il Paracleto dei Suoi e che, per una parte almeno di questa funzione lo Spirito lo sostituisce. Il termine vale letteralmente, come il latino Advocatus: uno che è chiamato presso un altro per assisterlo. Di solito si applica all’amico che assiste un accusato per difenderlo, per confortarlo, per solidarizzare con lui, per intercedere in suo favore; ma può significare anche uno che, in qualsiasi circostanza, consiglia, guida, insegna, conforta. È quindi, a seconda del contesto, tradotto Consolatore o Colui che ti aiuta, come nei passi del Vangelo, o Avvocato come qui dove si tratta dell’opera di Gesú presso al Padre, opera di intercessione in cui Gesú fa valere a pro dei Suoi la virtù del Suo sacrificio espiatorio. La lettera agli Ebrei, esponendo l’opera di Cristo qual sommo Sacerdote del Suo popolo, dice che “Cristo non è entrato in un luogo santissimo fatto da mano d’uomo … ma nel cielo stesso, per comparire ora alla presenza di Dio per noi”, “perciò egli può salvare perfettamente quelli che per mezzo di lui si avvicinano a Dio, dal momento che vive sempre per intercedere per loro” (Ebrei 9:24; 7:25). Paolo esclama trionfante: “Chi li condannerà? Cristo Gesú è colui che è morto e, ancor piú, è risuscitato, è alla destra di Dio e anche intercede per noi” (Romani 8:34). Gesú è chiamato giusto, perché, se fosse stato peccatore non avrebbe potuto togliere da noi, prendendola su di Sé, la pena del nostro peccato e non potrebbe quindi essere alla destra del Padre, ma “a noi era necessario un sommo sacerdote come quello, santo, innocente, immacolato, separato dai peccatori ed elevato al di sopra dei cieli” (Ebrei 7:26).

Affida la tua causa a Lui, per certo la vincerai!

 

 

Lettura biblica: I Giovanni 2:1-6 [vd. Matteo 6:5, 6]