Amare Dio o Il Mondo

Amare Dio o Il Mondo

“Non amate il mondo né le cose che sono nel mondo.

Se uno ama il mondo, l’amore del Padre non è in lui”

[I Giovanni 2:15]

 

Èsempre necessario distinguere chiaramente il significato attribuito alla parola “mondo” nel Nuovo Testamento. Infatti lo stesso apostolo, ispirato dallo Spirito Santo, scrive: “… Dio ha tanto amato il mondo …”, qui dice: “Se uno ama il mondo l’amore del Padre non è in lui …”. Il mondo tanto amato da Dio è l’intero ordine della Sua creazione, al culmine della quale Egli ha posto l’uomo. Egli ha dato il Suo Figliolo per redimere e ristabilire il genere umano nella sua posizione originale e mediante questi, ristabilire l’ordine nella creazione.

Il mondo che non dobbiamo amare è quella stessa totalità che, per usare un’espressione propria degli scritti giovannei, “… giace sotto il potere del maligno” (I Giovanni 5:19), cioè l’insieme delle forze avverse alla Verità e controllate dall’avversario del Signore. Amare questo mondo, così com’è ora, pieno di ingiustizia e violenza, alienato da Dio e ribelle alla Sua sovranità, è del tutto impossibile per chi desidera “l’amore del Padre” e non scende a compromessi con il male. D’altronde è una questione di scelta, di presa di posizione, di schieramento: da quale parte stiamo? Dov’è rivolto il nostro cuore, le nostre attenzioni e i nostri interessi? Questa è la vera testimonianza di un’autentica esperienza di conversione.

Il Signore ci ha provveduto redenzione e perdono grazie al sacrificio di Cristo, il divino Salvatore, ma quando Egli compie la Sua opera si nota una differenza radicale nella vita di chi è divenuto figliolo di Dio. Il suo amore sarà rivolto a Colui che tanto ci amati da donare il proprio Figlio sulla croce del Calvario per la nostra salvezza eterna: come potremmo non amarlo e scegliere il mondo?

 

 

 

 

 

 

Lettura biblica: I Giovanni 2:1-17 [vd. Giacomo 4:1-5]