Esame Obiettivo

Esame Obiettivo

“Carissimi, non crediate a ogni spirito, ma provate gli spiriti per sapere

se sono da Dio; perché molti falsi profeti sono sorti nel mondo”

[I Giovanni 4:1]

 

Il passo di oggi ci insegna che una comprensione inadeguata dell’opera dello Spirito Santo e la sete di novità possono creare all’interno della Chiesa dei danni simili a quelli provocati dall’ignoranza nel mondo di oggi o dall’eccessiva fiducia nelle scoperte scientifiche e tecnologiche.

Non ogni manifestazione soprannaturale viene da Dio, per questo il credente deve imparare a non essere credulone. Il versetto di oggi ci esorta a provare, verificare la fonte e lo scopo del messaggio o del miracolo, è un diritto/dovere del credente. Paolo dice: “Non disprezzate le profezie; ma esaminate ogni cosa e ritenete il bene” (I Tessalonicesi 5:20, 21). La prova che Giovanni ci propone è molto semplice: questa manifestazione porta gloria a Gesú? Ogni cosa che tende a sminuire la Sua persona o autorità non è ispirata da quello Spirito che glorifica Cristo.

Se il credente non deve essere credulone, non deve neanche essere timoroso. La vittoria, anche sugli inganni del nemico, è assicurata a chi è ripieno di Colui che è più grande del principe di questo mondo. Il versetto cinque del nostro passo dice che il mondo ascolta i falsi profeti, ma non dobbiamo imitare il “successo” da loro ottenuto sfruttando le presunte manifestazioni dello Spirito. Il Signore, infatti, può confermare la Parola con dei segni genuini, ma bisogna evitare la tentazione di dare più risalto ai segni che al messaggio. Perciò, quando ci troviamo a discutere con “quelli di fuori” circa queste cose, non usiamo l’arroganza di chi pretende di avere sempre ragione, ma la tranquilla consapevolezza che Dio sa ogni cosa e ci ha trasmesso tutto quanto era necessario che sapessimo. Questo ci permetterà di correggere con dolcezza quelli che ci contraddicono (cfr. II Timoteo 2:25). Dobbiamo distinguere, infatti, tra chi ha dei dubbi sinceri e discute per chiarirli e chi sembra essere d’accordo con noi ma nel suo cuore pensa: “Avrò pace, anche se camminerò secondo la caparbietà del mio cuore”. Che il Signore possa darci chiarezza, coraggio e calma nella proclamazione della verità!

 

Lettura biblica: I Giovanni 4:1-6 [vd. Colossesi 4:2-6]