Nati Da Dio

Nati Da Dio

“Poiché tutto quello che è nato da Dio vince il mondo;
e questa è la vittoria che ha vinto il mondo: la nostra fede”
[I Giovanni 5:4]

La natura nuova creata da Dio nel credente ristabilisce in lui l’immagine del Signore, lo riconduce allo stato normale che Dio aveva in vista creando l’uomo. La legge del Signore è scritta dallo Spirito Santo sulle tavole del cuore rigenerato, osservarla diventa cosa naturale, facile. I comandamenti diventano per lui, non una legge imposta dal di fuori, ma una legge di libertà che si osserva con gioia. Idealmente, questo è il caso per “tutto quello che è nato da Dio”, cioè per la totalità dei credenti nati di nuovo. Ma a questo risultato non si giunge senza una battaglia con il mondo e l’avversario delle anime nostre; egli si oppone costantemente allo sviluppo della vita cristiana nei figli di Dio. Il mondo avvolge non soltanto gli uomini estranei alla vita divina, ma cerca di sollecitare le tendenze malvagie della nostra natura, le concupiscenze di vario genere accennate in precedenza: “Perché tutto ciò che è nel mondo, la concupiscenza della carne, la concupiscenza degli occhi e la superbia della vita, non viene dal Padre, ma dal mondo” (I Giovanni 2:16). Chi è nato da Dio, però, vince il mondo in proporzione dell’energia di vita divina che si produce in lui. Nella misura in cui la vita nuova prende il sopravvento, i comandamenti di Dio diventano realizzabili, perché quel che li rende gravosi non è altro che la vecchia natura, “la carne” di cui l’apostolo Paolo fa ampia trattazione in Romani 7. Il vecchio uomo che rappresenta il mondo in noi deve essere fatto morire. Ma la vittoria, ad ogni modo, è assicurata al figliolo di Dio.
Il vero credente vive come un soldato in terra nemica – indossa costantemente la propria armatura per essere pronto nel momento della tentazione. Si impegna ad essere vigilante, umile e dedito alla preghiera. Questi sono soltanto alcuni segni distintivi di chi è nato da Dio. Cosa si può dire di te? Sei nato di nuovo, sei un credente vittorioso?