Affascinati dal Signore

Affascinati dal Signore

“… io metterò la mia legge nell’intimo loro, la scriverò sul loro cuore, e io sarò loro Dio, ed essi saranno mio popolo”
[Geremia 31:33]

Credente, qui c’è tutto quello che ti occorre! Per essere felice hai bisogno di qualcosa che ti soddisfi. Non è sufficiente? Se potessi versare nella tua coppa questa promessa, riusciresti a dire con Davide: “La mia coppa trabocca; ho più di quanto il mio cuore possa desiderare”. Quando realizzi queste parole: “Io sono il tuo Dio”, non possiedi già tutto? Il desiderio dell’uomo è insaziabile come la morte, ma Colui che compie ogni cosa può soddisfarlo appieno. Chi può colmare la profondità dei desideri? ma l’incommensurabile ricchezza di Dio può far tranquillamente traboccare la tua coppa. Non ti senti completo quando il Signore ti appartiene? cerchi qualcos’altro oltre Lui? la Sua completezza non basta a soddisfarti, anche se tutto il resto ti viene a mancare? Ma tu vuoi qualcosa di più di una tranquilla soddisfazione, tu cerchi l’estasi.
Vieni credente, nella tua parte d’eredità vi è una musica composta in cielo, scritta dalla mano del Signore. Nessuna musica emessa da strumenti a fiato o suonata da strumenti a corda può produrre una melodia più dolce di quella contenuta nella promessa: “Io sarò loro Dio”. In essa scorre un fiume colmo di benedizioni, si estende un oceano di gioia senza sponde. Se immergi il tuo spirito in esso, se vi nuoti per un secolo intero, non troverai mai una riva; tuffati nell’eternità, e non troverai mai il fondo. “Io sarò loro Dio”. Se questa meravigliosa realtà non ti fa brillare gli occhi e non fa palpitare il tuo cuore per la benedizione che ne ricavi, allora sicuramente la tua anima non gode di buona salute. Ma tu vuoi qualcosa in più della gioia presente, aneli a qualcosa che possa farti esercitare la speranza; e cosa potresti sperare di più se non l’adempimento della promessa infinita: “Io sarò loro Dio”? Questa è la promessa fondamentale; farla propria permette di realizzare il cielo sulla terra, e un giorno godere il paradiso di lassù.
Dimora nella luce del tuo Signore e lascia che la tua anima sia sempre affascinata dal Suo amore. Afferra l’essenza della tua eredità e l’abbondante benedizione ad essa unita. Vivi i tuoi privilegi e gioisci di gioia indescrivibile.