Il Rotolo di Dio

Il Rotolo di Dio

“Prenditi un rotolo da scrivere e scrivici tutte le parole che ti ho dette contro Israele, contro Giuda e contro tutte le nazioni,
dal giorno che cominciai a parlarti” [Geremia 36:2]

Sfogliando le pagine del rotolo, e considerando il suo contenuto, ci accorgiamo che contiene un dono preziosissimo, di valore realmente inestimabile. Dalla seconda lettera di Pietro (cfr. 3:9) veniamo a sapere che la volontà di Dio è che tutti gli uomini siano salvati. Quasi in ogni parte delle Scritture è possibile rintracciare dei riferimenti profetici volti ad avvisare l’umanità, affinché nel prendere coscienza della propria condizione di peccato, giungano a ravvedersi, conducendosi da veri cristiani, godendo così del Suo ineffabile perdono (cfr. Luca 19:1-10).
Oggi, come ai tempi di Geremia, la Chiesa non può esimersi dal presentare il messaggio della grazia divina, senza trascurare però i mali che Dio farà venire su tutti coloro che vivono nel peccato, in modo che possano riflettere e ravvedersi dalle loro opere malvagie (vv. 1, 3).
Spesso la prima reazione delle persone, proprio come ai giorni di Ioiachim re di Giuda, è quella di accantonare il “rotolo”, e possibilmente tagliarlo a pezzi e bruciarlo, per non dover fare i conti con i mali che esso denuncia senza perifrasi. Ma il Signore vuole che gli uomini, magari attraverso le punizioni e le sofferenze, scoprano il dono di Dio, e realizzino che è ancora e più che mai il tempo del perdono e della conversione. È in questo periodo di grazia che il Signore, in Gesù Cristo, si compiace di fare un patto nuovo, scrivendo le Sue leggi non più su un rotolo di carta, ma incidendole nei cuori e nelle menti. E conosceranno tutti che Egli è un Dio che perdona (cfr. Isaia 55:6, 8; Ebrei 8:10, 12; 10:16, 17) e non occorrerà più che alcuno esorti il suo prossimo dicendo: “Conosci il Signore”, perché tutti si renderanno perfettamente conto che Egli è il loro Dio che perdona e non si ricorda più dei loro peccati.
Per questi si leverà il sole della giustizia e la guarigione si troverà sotto le Sue ali, per vivere finalmente in piena salute un’esistenza di completa gioia e felicità