La Corona Della Vita

La Corona Della Vita

“Non temere quello che avrai da soffrire; ecco, il diavolo sta per cacciare alcuni di voi in prigione, per mettervi alla prova, e avrete una tribolazione per dieci giorni. Sii fedele fino alla morte e io ti darò la corona della vita”

[Apocalisse 2:10]

 

La comunità di Smirne è già provata, ma la sua prova non è finita, anzi sta per diventare più grave; perciò il Signore la conforta a “non temere” le cose che avrà ancora da soffrire. Alcuni membri della chiesa saranno imprigionati dall’autorità pagana spintavi dalle calunnie dei Giudei, e alla prigione potrebbe seguire la morte, come spesso accadeva, ma ambedue non sono altro che strumenti del più vero e grande nemico del regno di Cristo: il diavolo. Anche Paolo scrive agli Efesini che il combattimento dei cristiani non è tanto contro “sangue e carne, ma contro … le forze spirituali della malvagità che sono nei luoghi celesti” (Efesini 6:12; cfr. I Pietro 5:8). Ma quello che il nemico compie a fin di male è controllato da Dio e fatto volgere a rinsaldare la fede dei credenti facendola uscire vittoriosa dalla prova. Il Signore regola l’entità e la durata di essa; la tribolazione durerà dieci giorni, il che accenna, se non a dieci giorni in senso letterale, ad un periodo di tempo molto breve. Cristo Gesú, Salvatore e Signore: Lui che conosce le nostre tribolazioni, le parole e le azioni offensive, Lui che conosce la realtà del nostro pellegrinaggio, ci incoraggia e ci esorta a non temere, sapendo in anticipo che alcuni saranno messi a dura prova e lungo il cammino verranno giorni difficili.

Tu non temere, ma sii fedele, fedele alla Parola, fedele in mezzo alle tribolazioni, fedele nella povertà e nelle calunnie; sii fedele fino alla fine, non soltanto per un determinato tempo, o durante i primi passi della vita cristiana, ma sempre, in qualsiasi momento e in ogni circostanza, fino all’ultimo respiro, per ricevere quella vita che non avrà più fine. La corona della vita premierà quanti sono chiamati a rimanere con Lui nella gloria, alla costante presenza del Signore. Soltanto allora la morte non avrà più potere, non ci saranno tribolazioni, né povertà né calunnie, e nessuna delle cose tristi che abbiamo dovuto sperimentare su questa terra. Il Signore non negherà la corona della vita a chi Gli sarà rimasto fedele fino alla fine.

 

Lettura biblica: Apocalisse 2:8-11 [vd. Giacomo 1:1-12]