L’Agnello Di Dio

L’Agnello Di Dio

“Poi vidi, in mezzo al trono e alle quattro creature viventi e in mezzo agli anziani, un Agnello in piedi, che sembrava essere stato immolato, e aveva sette

corna e sette occhi che sono i sette spiriti di Dio, mandati per tutta la terra”

[Apocalisse 5:6]

 

In questo capitolo Cristo ci è presentato come uguale a Dio Padre; possiede lo Spirito nella Sua pienezza; è adorato dai redenti che si prostrano dinanzi a Lui offrendogli la lode e l’onore. È adorato al pari di Dio Padre da tutte le creature dell’universo intero e a Lui appartengono la potenza, la sapienza, la gloria e l’imperio che appartengono a Dio stesso. Egli è il rivelatore dei disegni divini. Ma ci viene altresì presentato come l’Agnello offerto quale vittima propiziatoria per l’espiazione dei peccati e che ha, con il Suo sangue, redento a Dio un popolo di sacerdoti e di re. L’Agnello appare d’un tratto agli occhi dell’apostolo, sulla superficie cristallina che si estende fra il trono e il semicerchio degli anziani. È stato annunziato un eroe vincitore, un leone, ed ecco si presenta un agnello, il tipo della mansuetudine, della pazienza, dell’innocenza; e questo Agnello, che ora è vivente (1:18), porta i segni che attestato il Suo sacrificio.

In questo passo, Cristo è descritto mediante il posto che occupa e mediante la forma nella quale appare e, nel versetto successivo, per le Sue azioni.

Per quanto riguarda la Sua posizione, Egli è “in mezzo”. Per voler intendere la forma ebraica che significa Egli è “fra uno e l’altro”. Cristo, infatti, come perfetta offerta espiatoria, si pone “in mezzo” come unico Mediatore tra Dio e l’uomo.

Gesú, poi, è descritto anche attraverso la forma nella quale Egli appare. Cristo si presenta come un Agnello, ma con sette corna e sette occhi. Le prime sono il simbolo della pienezza della potenza mentre i sette occhi, secondo la spiegazione che ne è data, rappresentano la pienezza dello Spirito di Dio che Egli manda per tutta la terra, segno della Sua onniscienza divina. Gesú ha ricevuto lo Spirito senza misura, in tutta la perfezione della luce, della vita e potenza ed è in grado di insegnare e governare su ogni parte della terra. Estasiati da questa visione, non dimentichiamo di rendere lode all’Agnello che è stato immolato e di ricercare la pienezza del Suo Spirito.

 

Lettura biblica: Apocalisse 5:1-5 [vd. Romani 2:1-16]