Una Vittoria Illusoria

Una Vittoria Illusoria

“E le fu data una bocca che proferiva parole arroganti e bestemmie.

E le fu dato potere di agire per quarantadue mesi”

[Apocalisse 13:5]

 

Il tempo descritto in questo brano della Parola di Dio si presenta come un periodo su cui gravano delle spaventose tenebre spirituali; è un tempo contraddistinto da una parola che nella prosa di Giovanni ritorna con insistenza: bestemmia! Con questo termine si intendono tutte quelle affermazioni volte a dichiarare che Dio non esiste, o quelle posizioni tese a insultare la Sua Persona e la Sua intangibile santità.

Già oggi si può vedere lo spirito dell’anticristo all’opera nel mondo. Diverse affermazioni, che spesso vengono proprio da religiosi, vedono in Cristo un semplice uomo o un buon maestro del Suo tempo; tendenze moderniste che si fanno beffe delle verità soprannaturali presentate nella Bibbia si stanno sempre più insinuando in certi circoli evangelici. Molti sono sedotti da pruriginose “novità teologiche” o da simili prese di posizione, con l’inevitabile risultato di bestemmiare anche loro il nome del Signore. Forse sentiamo spesso parlare di Gesú, ma in quante occasioni quello che viene detto Gli rende gloria? Molto spesso Lo si offende disonorandolo e, purtroppo, quanti non si allineano a questa corrente mondana sono tacciati di bigottismo e arretratezza, persone tuttora ancorate a ridicole credenze del passato.

Proprio come alla bestia fu dato per un tempo di sconfiggere i santi, così oggi costoro hanno apparentemente la meglio, mentre i semplici credenti vengono probabilmente zittiti con dotte disquisizioni filologiche o intimoriti da labirintiche argomentazioni teologiche. Ma questa non rappresenta certo una vittoria, perché al di là di quanto vi possa essere di debole e di inadeguato in un credente, la Scrittura ci assicura che Dio stesso apporrà il Suo suggello sulla nostra testimonianza con potenti prodigi, per dimostrare che Egli è il vero Signore, che si compiace in coloro che con il cuore asperso dal sangue di Gesú Gli danno lode e gloria.

 

 

 

 

Lettura biblica: Apocalisse 13:1-10 [vd. II Timoteo 2:14-19]