L’Ultima Mietitura

L’Ultima Mietitura

“Poi guardai e vidi una nube bianca; e sulla nube stava

seduto uno, simile a un figlio d’uomo, che aveva sul capo

una corona d’oro e in mano una falce affilata”

[Apocalisse 14:14]

 

Nell’Apocalisse assistiamo all’adempimento di tutti i terribili giudizi annunciati dai profeti dell’Antico Testamento. Nelle profezie viene spiegato il modo e il motivo per cui questi giudizi devono abbattersi sul genere umano: “Il giorno del Signore” sarà il momento in cui Egli giudicherà le nazioni e ristabilirà Israele, il Suo popolo.

Le nazioni, che nel corso di lunghi anni hanno oppresso il popolo eletto, saranno radunate per il giudizio finale. La potenza e la gloria di Dio si volgeranno a favore di Israele spandendosi dal luogo della Sua dimora.

Quello che è stato preannunziato nelle dichiarazioni dei tre angeli (14:6-11), è ora prefigurato in atti simbolici che rappresentano la certezza e la prossimità del giudizio sui nemici di Dio. Ogni dettaglio in questo brano porta a riconoscere, in Colui che è assiso sulla nuvola, il Giudice stabilito da Dio per giudicare il mondo con giustizia (cfr. Atti 17:31), la nuvola bianca è il Suo carro (cfr. Luca 21:27). Costui è simile a un “figlio d’uomo”, il che richiama alla mente la medesima espressione adoperata nel capitolo primo per descrivere il Cristo e la visione in cui Daniele vede Uno simile ad un “figlio d’uomo” venire sulle nuvole del cielo e ricevere dal Signore potenza, gloria e un regno perpetuo. Si tratta quindi del Figlio d’Uomo, Gesú Cristo, che appare come reggitore e giudice delle nazioni.

L’ultima ora si avvicina. Molti lo ignorano e vivono senza il minimo sentore di ciò che sta per accadere. Noi credenti dobbiamo quindi affrettarci a predicare il messaggio della salvezza in Cristo Gesú. Bisogna che tutti sappiano!

L’inizio del capitolo parla di salvezza, la fine presenta il giudizio. Si tratta di due realtà indissolubili, anche se apparentemente contrastanti. Ogni persona deve sapere con esattezza in quali condizioni spirituali si trova. La posta in gioco è di vitale importanza e la decisione è gravida di conseguenze eterne.

 

Lettura biblica: Apocalisse 14:14-20 [vd. Atti 13:42-52]