L’Acqua Della Vita

L’Acqua Della Vita

“Ogni cosa è compiuta. Io sono l’alfa e l’omega, il principio e la fine.

A chi ha sete io darò gratuitamente della fonte dell’acqua della vita”

[Apocalisse 21:6]

 

Ormai il Signore sta chiudendo il sipario su questo libro, mentre il nostro sguardo penetra l’eternità in tutta la sua gloriosa magnificenza. L’Alfa e l’Omega rivolge ancora una volta e ancora di più il Suo appello al cuore dell’uomo rivelando, fino all’ultimo, il desiderio di soddisfare ogni anelito umano, ogni suo bisogno.

L’immagine della sete ci riporta alle pagine del salmi, laddove la cerva anela i rivi delle acque: la propensione e la necessità naturali dell’animale la inducono a bramare quell’acqua che avrebbe soddisfatto il suo bisogno. Meglio ancora, la figura dell’acqua si incontra spesso negli scritti di Giovanni. Gesú che conversa con la Samaritana, e alla quale dice: “Se tu conoscessi il dono di Dio e chi è che ti dice: Dammi da bere, tu stessa gliene avresti chiesto, ed egli ti avrebbe dato dell’acqua viva” (cfr. Giovanni 4:4-15). Oppure quando a Gerusalemme, “nell’ultimo giorno, il giorno piú solenne della festa, Gesú stando in piedi esclamò: ‘Se qualcuno ha sete, venga a me e beva. Chi crede in me, come ha detto la Scrittura, fiumi d’acqua viva sgorgheranno dal suo seno’” (cfr. Giovanni 7:37, 38).

In Apocalisse, invece, è menzionato il fiume dell’acqua della vita (Apocalisse 7:17) dove il Signore ci condurrà e che scaturisce dal trono di Dio e dell’Agnello (22:1). Infatti, l’acqua della vita eterna non può che originarsi da lì. La vera vita che abbraccia la conoscenza della verità, la pace con Dio, la comunione con Lui nella santità e nell’amore, è la sola che può rendere l’anima felice nell’appagamento delle sue aspirazioni.

Quest’acqua della vita vera ed eterna Dio la dà gratuitamente a chi “vuole”, a chi “viene” a lui con fede. La promessa vale per chi, come la Samaritana, è al principio di una vita nuova, ma vale pure per chi è più innanzi nell’esperienza cristiana, e vale ancora per i redenti raccolti nella Nuova Gerusalemme di cui Dio appagherà finalmente e totalmente tutte le aspirazioni sempre più elevate.

 

 

Lettura biblica: Apocalisse 21:1-8 [vd. Salmo 42]