Domanda Pertinente Risposta Esauriente

Domanda Pertinente Risposta Esauriente

“… In avvenire, i vostri figli vi domanderanno:

‘Che cosa significano per voi queste pietre?’”

[Giosuè 4:6]

 

Che significano queste pietre?”, potrebbe essere la domanda che ti ha rivolto tuo figlio. Che cosa hai risposto? La tua è stata una risposta esauriente? O forse questa domanda ti ha messo in crisi? Oggi i nostri figli fanno tante domande alle quali vogliamo rispondere in maniera soddisfacente. Queste risulteranno efficaci se saranno accompagnate dalla testimonianza pratica della nostra vita. Anche noi eravamo “pietre”, del tutto inutili, ma sia ringraziato il Signore che ci ha presi con tutti i nostri difetti, con tutti i nostri peccati, e ci ha posti nel “fiume della grazia” perché le prove, le avversità e le sofferenze potessero smussare il nostro carattere, dandoci la forma che Cristo desidera.

“Che significano queste pietre?”. Testimoniano insieme di Cristo, del Suo amore, della Sua pazienza e della nuova nascita. Queste pietre ricordano la Sua storia e tracciano un solco indelebile nella storia. Stanno vicine, sono unite, hanno comunione e si riconoscono da lontano. Sono diverse da tutte le altre, al punto da non poter nascondere la loro identità, formando così un “monumento” alla gloria di Dio. Come popolo del Signore dobbiamo riuscire a mantenere la nostra identità cristiana; diversamente, saremo portati a uniformarci allo spirito del nostro tempo, a cercar di imitare i modelli che il mondo in cui viviamo “reclamizza”.

“Che significano queste pietre?”. Perché sono qui, perché sono diverse? Qualcuno potrebbe rivolgerti questa domanda. Se tu puoi rispondere che la Chiesa di Cristo e ogni suo membro è una pietra vivente per testimoniare del Signore e della Sua opera, allora stai adempiendo al mandato affidatoci da Gesù. Ma se siamo convinti che gli uomini, più o meno, sono tutti sullo stesso piano, sicuramente il nostro cristianesimo ha perduto la sua efficacia e abbiamo smarrito quelle caratteristiche che rendono quelle “pietre vive” adatte all’edificazione di un Tempio santo al Signore.

 

Lettura biblica: Giosuè 4:1-24 [vd. Salmo 78:2-8]