GIUDIZIO E GRAZIA

GIUDIZIO E GRAZIA

“Non nasconderò piú loro la mia faccia, perché avrò sparso il mio Spirito sulla casa d’Israele, dice Dio, il Signore”[Ezechiele 39:29]

Di fronte a giudizi così severi nei riguardi di Israele il lettore superficiale e profano sarà senz’altro portato a scandalizzarsi. Dallo studio di questo passo, piuttosto, possiamo rilevare alcune realtà che sono una costante nelle vicende di Israele: le continue trasgressioni della volontà di Dio e la convinzione di essere autosufficienti e di non correre alcun pericolo. I profeti furono sempre delle vigili sentinelle contro gli attacchi provenienti da nemici materiali o spirituali, ma dopo continui richiami il Signore volse le spalle al Suo popolo ed ecco, quindi, la catastrofe.Di certo non possiamo pensare che Dio abbia colpito gli Israeliti quasi fosse sostanzialmente indifferente o addirittura crudele, prendendosi gioco delle loro sofferenze. Si riflette troppo raramente che noi siamo al sicuro soltanto sotto la Sua protezione, e non appena ci allontaniamo da Lui è in agguato, come dice Pietro, il diavolo, che come un leone ruggente va attorno cercando di sedurre e distruggere. Non è affatto vero che il benessere, l’educazione e la civiltà rendono l’uomo migliore e più onesto. Soltanto un cuore ben disposto a credere nell’amore di Dio e un atteggiamento di riconoscenza e devozione tengono l’uomo lontano dal male, rendendolo rispettoso delle leggi divine, amante del prossimo, insomma cristiano in tutti gli aspetti della vita morale e spirituale.Questo concetto è stato esposto in tutte le epistole del Nuovo Testamento (cfr. Romani 1:18-25; I Corinzi 11:29-32). Dal brano oggetto della nostra meditazione, in ogni caso, possiamo vedere come Dio sia ben disposto verso l’uomo, poiché vi è da parte Sua una continua attenzione e un’assidua premura. Se il peccatore ammette il male compiuto e torna a Lui realmente pentito sarà nuovamente accolto e benedetto.Dopo aver letto e meditato questi passi di Ezechiele siamo maggiormente incoraggiati ad andare a Lui, poiché Egli ha in serbo per noi delle benedizioni speciali ed un’autentica pioggia di Spirito e di grazia.