Combattiamo Il Nostro Io

Combattiamo Il Nostro Io

“Giosuè prese pure tutte le città di quei re e tutti i loro re, li mise a fil di spada e li votò allo sterminio, come aveva ordinato Mosè, servo del Signore”

[Giosuè 11:12]

 

Mosè trasmise a Giosuè tutto quello che il Signore gli aveva ordinato e questi eseguì ogni cosa fedelmente. Ma in che consistevano questi ordini? Israele avrebbe dovuto evitare ogni relazione con le popolazioni pagane di Canaan, anzi, avrebbe dovuto eliminarle completamente e senza pietà, poiché, diversamente, le loro pratiche idolatriche sarebbero state un costante pericolo per l’integrità del popolo di Dio.

Queste popolazioni ci appaiono come una figura della “carne” che guerreggia contro lo spirito; quindi, come Israele dovette combatterle per conquistare la Terra Promessa, così noi dobbiamo combattere il buon combattimento della fede se vogliamo entrare nel Regno dei Cieli. Questa battaglia non va condotta facendo ricorso a delle armi umane, poiché soltanto ricorrendo ai mezzi spirituali offertici dal Signore potremo sconfiggere il nostro “io”, che spesso rappresenta il peggior nemico che ci troviamo a dover affrontare.

Questo “avversario” ci vorrebbe impedire di elevarci nelle sfere spirituali ed è lui il nemico numero uno da combattere e sconfiggere. Quando lo avremo vinto, la nostra vita subirà delle profonde trasformazioni e, non senza sorpresa, scopriremo che il Signore ci ha fornito di un’altra natura. Dopo che avremo inanellato una cocente serie di sconfitte, il Signore farà di noi dei vincenti. Va ricordato che sono molti i fronti sui quali siamo chiamati a combattere: dobbiamo sconfiggere la nostra avarizia che è causa di tutti i mali, frenare la nostra lingua, imparare la mansuetudine, non amare il mondo perché l’amicizia del mondo è inimicizia con Dio, non unirci ai non credenti e, sapendo che ai servi di Dio è richiesta fedeltà anche nelle piccole cose, studiamoci di manifestare le medesime attitudini di Giosuè.

Certo da soli non potremo mai farcela ma, affidandoci al Signore, la vittoria su noi stessi e sul peccato è assicurata.

 

 

Lettura biblica: Giosuè 11:10-15 [vd. Efesini 6:10-20]