Sempre Servitori

Sempre Servitori

“Giosuè era vecchio, ben avanti negli anni. Il Signore gli disse:

Tu sei vecchio, bene avanti negli anni e rimane ancora

una grandissima parte del paese da conquistare”

[Giosuè 13:1]

Giosuè si rivelò un uomo deciso a servire fedelmente il Signore, tant’è vero che, quando il popolo vacillò, egli, qualunque sarebbe stata la decisione presa dagli Israeliti, ebbe a dire: “Io e la casa mia serviremo il Signore”.

Dio parla a Giosuè dicendo: “Tu sei vecchio, bene avanti negli anni e rimane ancora una grandissima parte del paese da conquistare”. Spesso siamo portati a ritenere che il Signore si debba servire di noi nella nostra giovinezza poiché, il resto della vita dovrebbe servire per riposarci. Ma il Signore ricorda a Giosuè che il suo compito non era terminato, poiché rimaneva ancora molto lavoro da compiere. Il cristiano non deve cullarsi sulle proprie esperienze passate o far affidamento sui molti anni trascorsi nella fede ma farà bene a rammentare che il servizio cristiano va svolto fino alla fine della vita.

Di certo rimane ancora molto da fare nel campo del Signore, dobbiamo consacrare maggiormente la nostra vita e le nostre energie al Suo servizio, dobbiamo annunciare il Vangelo a quelle anime che ancora vivono nella desolazione del peccato.

Anche se le nostre forze fisiche si affievoliscono o se la salute è cagionevole, il Signore continuerà a chiamarci a un prezioso servizio. Se non siamo più in condizioni di predicare il Vangelo, potremo sempre pregare, sostenendo così quanti continuano ad affaticarsi nel campo del Signore.

Nessuno pensi quindi di essere un “colletto bianco”, perché siamo tutti “operai”; nell’opera del Signore non esistono cassaintegrati o prepensionati. Non è ancora giunto il momento per “mettersi a riposo”, finché il Signore ci tiene quaggiù è ancora tempo di “rimboccarsi le maniche” e “sudare” per Lui.

Proseguiamo quindi il corso verso la meta per ottenere il premio della suprema vocazione di Dio in Cristo Gesù.

 

 

 

Lettura biblica: Giosuè 13:1-15 [vd. Giudici 3:1-5; 1:27-36]