Il Pericolo Dell’Idolatria

Il Pericolo Dell’Idolatria

“Ma neppure ai loro giudici davano ascolto, anzi si prostituivano

ad altri dèi e si prostravano davanti a loro …”

[Giudici 2:17]

 

La fine del primo capitolo del libro dei Giudici, ci parla del declino d’Israele in rapporto al mondo, mentre nel secondo scopriamo la rovina d’Israele dovuta alla trasgressione del patto. Questo popolo, che aveva conquistato la terra promessa, che era divenuto nazione e aveva visto il Signore operare grandi miracoli, con il sorgere della nuova generazione non cerca più la guida dall’alto, si corrompe, si allontana e si rende schiavo a Baal, divinità fenicia e ad Astarte, dea adorata dalle popolazioni cananee. Nella misura in cui il nostro cuore viene attratto dal mondo, si allontana sempre più da Dio; fino al punto cruciale in cui si rinnega totalmente il Signore, sostituendolo con un idolo fatto a nostra immagine, dando spazio così a quella diabolica forma di culto che è l’idolatria, oppure dedicandosi a pratiche astrologiche o altre cose simili. “Per questo Dio li ha abbandonati all’impurità, secondo i desideri dei loro cuori, in modo da disonorare fra di loro i loro corpi; essi, che hanno mutato la verità di Dio in menzogna e hanno adorato e servito la creatura invece del Creatore”. Quale grave giudizio si è abbattuto su Israele a causa di tutto ciò; Dio li abbandonò a forze nemiche; non si riconosceva più in quel popolo la gente che aveva fatto del Creatore e Signore del cielo e della terra la propria bandiera. Ora il popolo eletto è legato alla catena che li allontana dall’unica vera fede. Israele gemeva sotto l’oppressione e “… il Signore aveva compassione dei loro gemiti a causa di quelli che li opprimevano e angariavano”.

Il combattimento del credente non cesserà mai su questa terra, ma il Signore ha promesso una grande ricompensa per chi vincerà. Dio ci dia grazia di avere in cuore il desiderio di collaborare sinceramente alla realizzazione del Suo piano, raggiungendo così le anime con la potenza dell’Evangelo, e ci dia anche grazia di vedere la Sua opera di redenzione avanzare di vittoria in vittoria, verso un luminoso ed eterno trionfo.

 

 

 

Lettura biblica: Giudici 2:16-23 [vd. I Giovanni 5:19-21]