Grandemente amati

Grandemente amati

“Quando hai cominciato a pregare, c’è stata una risposta e io sono venuto a comunicartela, perché tu sei molto amato. Fa’ dunque attenzione al messaggio e comprendi la visione” [Daniele 9:23]

Daniele era ancora molto giovane quando insieme ad una parte del popolo di Giuda fu deportato a Babilonia. Tutto ciò era accaduto perché il popolo di Dio si era allontanato dalle Sue vie. Benché la condizione del deportato fosse piuttosto triste e mentre gli altri si erano ormai lasciati andare, Daniele decise di non contaminarsi e di investigare le Scritture. Dirà, infatti, “… meditando sui libri, vidi che il numero degli anni di cui il Signore aveva parlato al profeta Geremia e durante i quali Gerusalemme doveva essere in rovina, era di settant’anni” (v. 2). Fu investigando la Parola di Dio che aumentò in lui il desiderio di indagare ciò che avevano detto i profeti.“Volsi perciò la mia faccia verso Dio, il Signore, per dispormi alla preghiera e alle suppliche, con digiuno, con sacco e cenere. Feci la mia preghiera e la mia confessione al Signore, al mio Dio, e dissi …” (vv. 3, 4). Con grande umiltà Daniele si accostò al Signore, facendo suoi i peccati, la colpa e il giudizio di tutto il popolo. Eppure, nulla di negativo ci viene detto al suo riguardo anzi, la Parola di Dio lo mostra del tutto irreprensibile. Daniele stava ancora pregando quando dinanzi a lui apparve Gabriele, il messaggero celeste: “Fa’ dunque attenzione al messaggio e comprendi la visione” (v. 23).Questa fu la risposta di Dio ad un uomo così degno di stima ed affetto. Il Signore, nella Sua infinita misericordia, risponde a tutti, ma in modo particolare, a quanti si impegnano nel fare ciò che Gli è gradito.Prendiamo esempio da Daniele, operiamo le nostre scelte e agiamo di conseguenza. Evitiamo ogni forma di contaminazione, separiamoci sempre di più dal mondo e dal peccato, investighiamo le Scritture per ottenere illuminazione e cerchiamo di fare nostre le promesse di Dio, adoriamo e preghiamo dinanzi al trono della grazia ed entriamo in profonda comunione con Lui. Se la vita del credente è in perfetta sintonia con il Signore, la Sua preghiera giungerà al cielo e dal cielo scenderà la risposta di Dio. Oh, quale gioia, avere la certezza di essere grandemente amati!