Vigore dalla Parola

Vigore dalla Parola

“Egli disse: ‘Non temere, o uomo molto amato! La pace sia con te. Coraggio! Sii forte!’ Alle sue parole ripresi forza e dissi: ‘Parla, o mio signore, perché tu mi hai fortificato’” [Daniele 10:19]

Se la rivelazione della Parola di Dio ci facesse cadere più spesso in uno stato di prostrazione e riverenza non sarebbe poi così male. Troppe volte la Parola del Signore viene accolta con superficialità, ed è per questo che non viene assimilata a fondo.Soltanto quando ci disponiamo ad umiliarci davanti a Dio, per comprendere ciò che ha da dirci, siamo in grado di penetrare nella profondità del Suo pensiero. L’uomo, di sua iniziativa, non può indagare i misteri divini, poiché soltanto Dio li rivela a coloro che Egli ama. Un’attitudine di riverenza e timore è, dunque, la condizione ideale per accogliere la rivelazione della Sua Parola.Quando quello che leggiamo nella Bibbia ci colpisce al punto da farci piegare le ginocchia, in un certo senso è come se Dio stesso ci fosse “apparso”. E davanti a Lui ammutolisce ogni discorso, le risorse umane vengono meno e non rimane più alcuna forza. Ma il Signore non vuole certo rivelarsi per il gusto di suscitare in noi disagio o incuterci timore! Egli vuole farci conoscere i Suoi pensieri e mostrarci i Suoi segreti.Ogni attento lettore delle Scritture conosce le cose che Dio ha preparato in vista della piena manifestazione della Sua gloria. Noi sappiamo che per quanti credono, il futuro sarà costellato di grandi benedizioni, ma a coloro che non si aprono alla fede sono riservate lotte, angosce e sofferenze. Abbiamo veramente una grande responsabilità: il Signore ci ha reso partecipi dei Suoi segreti e ora sappiamo! E non possiamo tacere, ma dobbiamo proclamare ad ogni persona ciò che le accadrà se non si convertirà a Dio.Siamo forti della forza che ci viene dal Signore, annunciamo dunque con vigore e convinzione ciò che abbiamo visto e udito.