Vera Umiltà

Vera Umiltà

“L’orgoglio del tuo cuore t’ha ingannato, o tu che abiti fra le spaccature delle rocce, che son l’alta tua dimora, tu che dici in cuor tuo: Chi mi trarrà giù a terra?” [Abdia 3]

 

Appare chiaro che nel testo citato, e potremo dire in tutti i libri profetici, il tema centrale è rappresentato dal giudizio di Dio contro l’orgoglio umano.L’insegnamento di Abdia ci induce a considerare che nessun uomo o popolo, per quanto si dichiari forte e sicuro di sé stesso, potrà resistere al Signore. Davanti al profeta c’è Edom, il popolo discendente da Esaù, che proprio a causa del suo orgoglio e della sua insensibilità rifiuta di aiutare Israele, facendo sì che gli stranieri lo conducano in cattività.Ma vi saranno degli “scampati”, annuncia il Signore per bocca del profeta. Persone che saranno liberate dalla mano di Dio e che possederanno le ricchezze promesse a Giacobbe.Se il Signore si rivela intenzionato a condannare in tal modo l’orgoglio e non soltanto quello delle nazioni straniere, ma anche e soprattutto quello del Suo popolo, chi sono allora questi “scampati”? Per rispondere dobbiamo considerare che, se da un lato vi è l’orgoglio e un atteggiamento di sprezzante superiorità, dall’altro c’è quell’attitudine tanto cara al Signore, ma così rara da riscontrarsi: la vera umiltà. Soltanto fino a quando ci saranno degli umili potranno esserci degli “scampati”, gente libera, che ha afferrato una dimensione diversa di vita, scandagliando delle profondità che per i più rimangono insondabili. Questo messaggio è rivolto proprio al popolo di Dio rimasto fedele, chiamato a servire il Signore con umiltà. L’apostolo Giacomo e l’apostolo Pietro, ispirati dallo Spirito Santo, avendo fatto tesoro anche delle loro esperienze personali, sono in condizione di insegnare ai credenti che soltanto umiliandosi al cospetto di Dio potranno essere veramente innalzati (cfr. I Pietro 5:5, 6; Giacomo 3:13).Seguiamo dunque il prezioso esempio di Gesù ed appropriamoci di tutte le ricchezze che Dio mette a disposizione dei Suoi figli.