Il Colpevole Punito

Il Colpevole Punito

“Il Signore è lento all’ira ed è molto potente, ma non lascia il colpevole impunito. Il Signore cammina nell’uragano e nella tempesta, e le nuvole sono la polvere dei suoi piedi” [Naum 1:3]

Questa profezia descrive in modo chiaro, più di qualunque altra, l’ira di Dio e il Suo giudizio. Il libro di Naum contiene tre messaggi: il primo riguarda il verdetto di condanna, il secondo la visione della condanna, il terzo l’adempimento della condanna stessa.Tutta la profezia si riferisce a Ninive, che era stata salvata dalla distruzione circa 100 anni prima, grazie al messaggio di Dio proclamato da Giona. Ma Ninive aveva dimenticato il suo precedente ravvedimento, aveva di nuovo esercitato oppressione e crudeltà, aveva peccato contro Dio con uno spirito di ribellione ed ora era giunto il tempo della sua fine. Qui abbiamo la sentenza divina contro questa potenza arrogante e brutale.L’argomento profetico esula dai nostri intenti, ma il testo rivela un principio sempre valido: il Signore è lento all’ira e di grande benignità, avverte tutti gli uomini del pericolo e li invita al ravvedimento. Quando essi si pentono, Egli li perdona prontamente. Ma bisogna continuare a vivere in comunione con Lui, altrimenti Egli deve mettere in atto il Suo giusto giudizio. L’intero messaggio è eccezionale, poiché Naum insiste nel rivelare la bontà di Dio, anche se deve sottolineare la giustizia del Suo verdetto verso quanti, ostinatamente, resistono alla Sua misericordia.Purtroppo, quando gli uomini non riconoscono l’amorevole intervento del Signore nella loro vita e persistono sulla via della ribellione, Dio deve adempiere la Sua giustizia. Il messaggio può apparire duro, invece rappresenta una buona notizia per tutti. È un invito, affinché i ribelli si umilino e riconoscano la bontà della legge del Signore e il Suo amorevole progetto di salvezza per loro. È una buona notizia anche per quanti soffrono l’oppressione e la crudeltà dei malvagi in quanto, a suo tempo, il male finirà. Dio è ancora sul Suo trono di gloria e a tempo opportuno farà vendetta di coloro che sono oppressi e provati dai malvagi.