La Fonte Della Vita

La Fonte Della Vita

“ Signore, io ho udito il tuo messaggio e sono preso da timore. Signore, dà vita all’opera tua nel corso degli anni!

Nel corso degli anni falla conoscere! Nell’ira, ricòrdati d’aver pietà!” [Abacuc 3:2]

Questa porzione del libro di Abacuc è costituita, essenzialmente, da un’ardente preghiera che esprime tutto l’affetto ed il desiderio del profeta per il progresso del popolo d’Israele. In mezzo alle lotte e ai costanti pericoli di sviamento, il profeta scopre il segreto della vittoria per fede. I mezzi per raggiungere un tale obiettivo non andranno ricercati nell’abilità umana o nella sapienza terrena, ma vengono dall’Alto e devono tornare, in via esclusiva, a lode e gloria di Colui che regna nei cieli.

Il profeta si esprime con estrema passione, illustrando le realtà che danno corpo alla speranza del credente. Basterebbe sottolineare l’auspicio contenuto nel versetto di oggi: “O Signore, dà vita all’opera tua nel corso degli anni”, per comprendere fino in fondo quali sono le reali fonti della vita. Abacuc è conscio del bisogno di questo genere di vita e si impegna a richiederla ardentemente a Colui che è l’Autore della vita stessa. Il profeta è pure consapevole che le regole del Signore non muteranno, e quindi la sua preghiera riesce ad esprimere adeguatamente i bisogni comuni ad ogni generazione. L’opera di Dio non si esaurisce con la preghiera elevata da Abacuc, e neppure con l’epoca apostolica, ma in ogni tempo ha vissuto dei momenti di risveglio grazie anche alla preghiera di credenti consacrati.

Gesù ha espressamente dichiarato che Egli è la via, la verità, e la vita ed altrove leggiamo: “Io sono venuto perché abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza”. Alla fine del Suo ministerio Gesù ha dichiarato: “Io sono con voi tutti i giorni”. Queste parole confermano che quella che stiamo vivendo è la vera vita e ci assicurano che Colui che ne è l’artefice sarà sempre al nostro fianco. Perciò, occorre rendere attuale la preghiera del profeta: “Dà vita all’opera tua nel corso degli anni e nel corso degli anni falla conoscere”.