La presenza e l’Azione di Dio

La presenza e l’Azione di Dio

“Cosí parla il Signore degli eserciti: Io provo per Sion una grande gelosia, sono geloso di lei con grande ardore”

[Zaccaria 8:2]

Questo versetto è parte della risposta che Dio diede, per bocca del profeta, a una delegazione proveniente da Betel, che venne ad implorare il favore del Signore. Nel capitolo precedente del libro di Zaccaria è riportato l’aspetto negativo di quella medesima risposta. Nella parte che consideriamo oggi, invece, le parole del Signore assumono un tono diverso, non più di rimprovero ma amorevole e positivo. La promessa di prosperità, che Egli rivolge a Gerusalemme, riguarda profeticamente anche noi, il nuovo popolo di Dio, la Chiesa. Essa si compone di dieci pronunciamenti e descrive come la gelosia che il Signore prova in ogni tempo per il popolo che si è scelto, Lo induca ad intervenire con la Sua presenza e ad operare con la Sua grazia.La presenza e l’azione di Dio fanno quindi dei credenti:

– Un popolo fedele, santo, pacifico e benedetto.

– Un popolo che, rinnovato dallo Spirito Santo, prosegue nel suo cammino rendendo una sana testimonianza della propria fede nel Signore.

– Un popolo che ubbidisce alla Parola di Dio nella sua vita pratica, e non si limita quindi a cose apparenti e formali.

– Un popolo che si mobilita sia nel suo insieme, come comunità, sia individualmente per implorare il favore del Signore ed annunciare l’Evangelo.

– Un popolo che fa sorgere spontaneamente, in chi lo osserva, il desiderio di farne parte.

Dio non si compiace nel vedere il Suo popolo che langue nella miseria, lontano da Lui. Ma quando decide di intervenire, lo fa sempre di propria iniziativa, irresistibilmente spinto dal Suo amore eterno: “Io provo per Sion una grande gelosia … Io torno a Sion e abiterò in mezzo a Gerusalemme… Ecco, io salvo il mio popolo …” (vv. 2-7). E quando Dio sceglie di intervenire, i risultati si vedono e sono gloriosi: fedeltà, santità, buoni frutti, verità, giustizia, amore, gioia, preghiera, buona testimonianza e conversioni.