Il Salvatore D’Israele

Il Salvatore D’Israele

“Quando Saul ebbe preso possesso del suo regno in Israele, mosse guerra

a tutti i suoi nemici circostanti … e dovunque si volgeva, vinceva”

[I Samuele 14:47]

 

Considerando attentamente questo capitolo, notiamo che Gionatan, compì un atto di grande coraggio dando a Israele una vittoria del tutto inaspettata. Ma commise anche uno sbaglio poiché, insieme al suo scudiero andò ad attaccare i Filistei, senza dire nulla a suo padre, il re Saul. Questi, da parte sua, commise anche lui un errore facendo un giuramento temerario. Il popolo, al quale era stato fatto divieto di toccare cibo, si rese colpevole mangiando carne con il sangue, cosa che era severamente proibita dalla legge mosaica (cfr. Levitico 7:26, 27).

Il Signore dunque, anche in quest’occasione non ha protetto e salvato Israele in virtù della loro giustizia, ma unicamente per il Suo amore! Al Signore non servono dei “leaders” che gonfino il petto fieri dei risultati raggiunti. Egli si servì di Gionatan per operare una grande liberazione in Israele, si servì del popolo per salvare Gionatan e si servì di Saul per liberare Israele dai suoi nemici: il Signore usa degli strumenti, si serve di uomini per i Suoi scopi. Ma solamente Dio è il Salvatore di Israele. È il Signore che ha combattuto per il Suo popolo, che lo ha protetto, guidato e introdotto nella terra promessa. È il Signore che ha corretto, castigato, giudicato, ristabilito gli Israeliti, e lo ha fatto per il loro bene; perché potessero comprendere che, come un padre corregge suo figlio, così il Signore, per il Suo infinito amore, vuole correggerli; perché imparino a temere il Signore.

Il Redentore d’Israele, è lo stesso Dio che si è fatto uomo in Cristo Gesù, per la salvezza di tutti noi. Infatti, “in nessun altro è la salvezza; perché non vi è sotto il cielo nessun altro nome che sia stato dato agli uomini, per mezzo del quale noi dobbiamo essere salvati” (Atti 4:12). Egli ci ha liberato dai nostri peccati con il Suo prezioso sangue. Ora gli apparteniamo! Siamo il Suo popolo ed Egli ci darà la vittoria in Cristo, ovunque ci volgiamo.

 

LETTURA BIBLICA: I SAMUELE 14:38-52 [VD. ATTI 4:8-12]