Visitazione Divina

Visitazione Divina

“Chiedete al Signore la pioggia nella stagione di primavera! Il Signore che produce i lampi darà loro abbondanza di pioggia,a ciascuno erba nel proprio campo” [Zaccaria 10:1]

Alle volte è difficile riuscire a comprendere il grande amore di Dio verso il Suo popolo; l’affermazione ripresa in questo testo, ci porta a considerare tutte le amare esperienze che fece il popolo d’Israele a causa della sua insensibilità alle parole che gli venivano rivolte per mezzo dei profeti. Gli Israeliti si rivolgevano in continuazione agli idoli o agli indovini, ricevendo unicamente delle consolazioni effimere e delle speranze illusorie, e suscitando immancabilmente la reazione del Signore che puniva la loro disubbidienza. Lo sdegno di Dio di fronte a questa situazione, Lo spinse ad individuare ed isolare i colpevoli, i “pastori” e i “capri”, vale a dire i governanti del popolo, che in virtù del loro potere tiranneggiavano sulla nazione. Verso di loro si accese l’ira del Signore. Allo stesso modo, però, Dio volle confermare il Suo amore per quanti Gli erano fedeli: Egli stesso, infatti, invita i Suoi figliuoli a chiederGli la pioggia di primavera, per risvegliare la terra ed avere una raccolta prosperosa, quella pioggia di benedizione, di consolazione, capace di rinvigorire e ristorare. L’amore che lega il Signore alla “Casa di Giuda” non verrà mai meno: sarà per Dio come un “cavallo d’onore” e da quella nazione uscirà la “Pietra angolare”.

Cristo Gesù, il Figlio di Dio, è quella Pietra promessa che, giunta la pienezza dei tempi, si è manifestata al mondo per espiare il peccato dell’intera umanità.

Come ai tempi del profeta Zaccaria il popolo era invitato a rivolgersi a Dio per chiedere la “pioggia di primavera”, così oggi, il Signore vuole rammentarci che abbondanti “piogge spirituali” sono a disposizione dei fedeli, per fecondare i cuori e far rifiorire la vita di tutti coloro che non si dimostrano “impermeabili” all’opera dello Spirito Santo.

La porta della grazia e della salvezza è ancora aperta a tutti, perciò chiediamo al Signore una pioggia di benedizioni, nella certezza che Egli esaudirà quanti si arrendono sinceramente a Lui.