Fede, esempio, costanza

Fede, esempio, costanza

“Giuda si è dimostrato infedele e l’abominazione è stata commessa in Israele e a Gerusalemme; perché Giuda ha profanato ciò che è santo al Signore” [Malachia 2:11]

Per mezzo della fede possiamo stabilire un contatto con il Signore. Con l’esempio di una vita di fede, invece, abbiamo l’occasione di incoraggiare altri alla comunione con Dio. In ultima analisi, con la nostra costanza in queste cose ci assicuriamo la salvezza provvedutaci da Gesù Cristo.

È stato dimostrato nel tempo, Gesù l’ha annunciato e l’apostolo Pietro l’ha ribadito, che “… il giudizio deve cominciare dalla casa di Dio” (I Pietro 4:17). Questa casa siamo noi credenti. È quindi logico che della casa di Dio i primi ad essere redarguiti, corretti o addirittura giudicati siano i responsabili e i pastori. Se dalla loro bocca esce l’insegnamento atto a suscitare la vita, se Dio li stabilisce come esempio per il popolo, è giusto che siano proprio loro i primi a compiere con coerenza la volontà del Signore.

Al tempo di Malachia, Dio lamentava la rovinosa condizione spirituale in cui versava il popolo, poiché il loro rapporto con Lui era stato praticamente spezzato. Tuttavia, i sacerdoti continuavano a pronunciare benedizioni che Dio era costretto a trasformare in maledizioni. La lode fu presto sostituita dal lamento. Il popolo offriva l’avanzo dei suoi beni, sacrifici difettosi. Soltanto lo scarto e le cose di minor pregio. Di conseguenza, i sacerdoti si lagnavano dei risultati del loro culto: “La tavola del Signore è contaminata, e ciò che dà come cibo è spregevole”, dicevano, ma era la giusta rimunerazione di ciò che insegnavano e del loro comportamento.

Venuti meno i beni materiali, anche servire il Signore era diventato faticoso, troppo impegnativo. Le critiche, le deviazioni spirituali e l’attaccamento al materialismo iniziano là dove finisce la buona testimonianza, la fede in Dio e la perseveranza. Se il Signore lancia un grido di allarme, se Dio riprende e castiga è segno che il Suo amore per noi non si è ancora esaurito. Accogliamo questo allarme, riprendiamo a fare la Sua volontà con rinnovato zelo, ma soprattutto, pastori e gregge, fortifichiamoci, prefiggendoci come modello Gesù, guida e perfetto esempio di fede, il quale per la gioia che gli stava dinanzi sopportò perfino la croce per amor nostro.